home / Novità di Prassi e Giurisprudenza / Giurisprudenza / Unione Europea / La Corte di giustizia si ..

19/11/2019
La Corte di giustizia si pronuncia sull’indipendenza della Sezione disciplinare della Corte suprema polacca


argomento: Giurisprudenza - Unione Europea

PAROLE CHIAVE: Corte di giustizia Polonia Corte suprema indipendenza

A seguito di tre rinvii pregiudiziali introdotti dalla Sezione per il lavoro e la previdenza sociale della Corte suprema della Polonia, la Corte di giustizia ha precisato, in una sentenza del 19 novembre 2019 (cause riunite C-585/18, C-624/18 e C-625/18, A.K. c. Krajowa Rada Sądownictwa e CP e DO c. Sąd Najwyższy), che l’art. 47 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e l’art. 9, par. 1, della direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, devono essere interpretati nel senso che essi ostano a che controversie relative all’applicazione del diritto dell’Unione possano ricadere nella competenza esclusiva di un organo che non costituisce un giudice indipendente e imparziale, ai sensi della prima di tali disposizioni. Ciò si verifica quando le condizioni oggettive nelle quali è stato creato l’organo di cui trattasi e le caratteristiche del medesimo nonché il modo in cui i suoi membri sono stati nominati siano idonei a generare dubbi legittimi, nei singoli, quanto all’impermeabilità di detto organo rispetto a elementi esterni, in particolare rispetto a influenze dirette o indirette dei poteri legislativo ed esecutivo, e quanto alla sua neutralità rispetto agli interessi contrapposti e, pertanto, possano portare a una mancanza di apparenza di indipendenza o di imparzialità di detto organo, tale da ledere la fiducia che la giustizia deve ispirare a detti singoli in una società democratica. Spetta al giudice del rinvio determinare, tenendo conto di tutti gli elementi pertinenti di cui dispone, se ciò accada con riferimento a un organo come la Sezione disciplinare del Sąd Najwyższy (Corte suprema) polacco.

In una tale ipotesi - ha ulteriormente puntualizzato la Corte - il principio del primato del diritto dell’Unione deve essere interpretato nel senso che esso impone al giudice del rinvio di disapplicare la disposizione di diritto nazionale che riservi a detto organo la competenza a conoscere delle controversie di cui ai procedimenti principali, di modo che esse possano essere esaminate da un giudice che soddisfi i summenzionati requisiti di indipendenza e di imparzialità e che sarebbe competente nella materia interessata se la suddetta disposizione non vi ostasse.



indietro

  • Giappichelli Social