Link utili

I siti Internet utili per approfondimenti.

Norme editoriali

Come inoltrare i contributi alla rivista.

Bibliografia

Libri ricevuti.

home / NovitÓ di Prassi e Giurisprudenza / Giurisprudenza / Unione Europea / Sulla legge applicabile ai ..

08/05/2019
Sulla legge applicabile ai lavoratori marittimi per la Corte di giustizia


argomento: Giurisprudenza - Unione Europea

PAROLE CHIAVE: Corte di giustizia lavoro marittimi legge applicabile

Pronunciandosi su un rinvio pregiudiziale dello Hoge Raad der Nederlanden (Corte suprema dei Paesi Bassi), la Corte di giustizia ha dichiarato (sentenza  8 maggio 2019, causa C-631/17, SF c. Inspecteur van de Belastingdienst) che un lavoratore marittimo che conserva la propria residenza nel proprio Stato membro d’origine, pur svolgendo attività lavorativa per conto di un datore di lavoro stabilito in un altro Stato membro su una nave battente bandiera di uno Stato terzo navigante al di fuori del territorio dell’Unione europea, ricade nella sfera d’applicazione del regolamento (CE) n. 883/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, relativo al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale, ai sensi del quale la normativa nazionale applicabile a tale soggetto è quella del suo Stato membro di residenza.

La Corte ha innanzitutto ricordato, infatti, la propria giurisprudenza, secondo cui il solo fatto che un lavoratore eserciti la propria attività al di fuori del territorio dell’Unione non è sufficiente ad escludere l’applicazione delle norme dell’Unione sulla libera circolazione dei lavoratori, e segnatamente del regolamento (CE) n. 883/2004, qualora il rapporto di lavoro conservi un collegamento sufficientemente stretto con il territorio medesimo. Ciò è quanto accade, in particolare, quando un cittadino dell’Unione, residente in uno Stato membro, sia stato assunto da un’impresa stabilita in un altro Stato membro per conto della quale svolga quindi attività lavorativa. La Corte ha perciò concluso che un lavoratore marittimo che si trovi in una situazione come quella sopra descritta ricade nella sfera d’applicazione del regolamento e, più in particolare, dell’art. 11, par. 3, lett. e), del medesimo, ragion per cui la normativa nazionale applicabile è quella dello Stato membro di residenza del lavoratore.



indietro

  • Giappichelli Social