TAR

home / NovitÓ di Prassi e Giurisprudenza / Giurisprudenza / Unione Europea / La Corte di giustizia precisa ..

06/10/2021
La Corte di giustizia precisa la propria giurisprudenza CILFIT


argomento: Giurisprudenza - Unione Europea

PAROLE CHIAVE: rinvio pregiudiziale cilfit

Su rinvio pregiudiziale del Consiglio di Stato italiano, la Corte di giustizia è ritornata il 6 ottobre 2021 (C-561/19, Consorzio Italian Management, Catania Multiservizi SpA c. Rete Ferroviaria Italiana SpA) sulla sua giurisprudenza CILFIT (sentenza del 6 ottobre 1982, 283/81, CILFIT e a.). Dopo aver ricordato che l’art. 267 TFUE deve essere interpretato nel senso che un giudice nazionale avverso le cui decisioni non possa proporsi ricorso giurisdizionale di diritto interno deve adempiere il proprio obbligo di sottoporre alla Corte una questione relativa all’interpretazione del diritto dell’Unione sollevata dinanzi ad esso, a meno che constati che tale questione non è rilevante o che la disposizione di diritto dell’Unione di cui trattasi è già stata oggetto d’interpretazione da parte della Corte o che la corretta interpretazione del diritto dell’Unione s’impone con tale evidenza da non lasciare adito a ragionevoli dubbi, essa ha precisato che la configurabilità di siffatta eventualità deve essere valutata in funzione delle caratteristiche proprie del diritto dell’Unione, delle particolari difficoltà che la sua interpretazione presenta e del rischio di divergenze giurisprudenziali in seno all’Unione. Inoltre, tale giudice non può essere esonerato da detto obbligo per il solo motivo che ha già adito la Corte in via pregiudiziale nell’ambito del medesimo procedimento nazionale. Tuttavia, esso può astenersi dal sottoporre una questione pregiudiziale alla Corte per motivi d’irricevibilità inerenti al procedimento dinanzi a detto giudice, fatto salvo il rispetto dei principi di equivalenza e di effettività.



indietro

  • Giappichelli Social