cantone

home / Novità di Prassi e Giurisprudenza / Giurisprudenza / Unione Europea / Il caso AMA e l’applicabilità ..

14/05/2020
Il caso AMA e l’applicabilità della direttiva rifiuti al periodo di gestione successiva alla chiusura di una discarica


argomento: Giurisprudenza - Unione Europea

PAROLE CHIAVE: corte giustizia rifiuti malagrotta

In risposta a un rinvio pregiudiziale della Corte suprema di cassazione nell’ambito di una controversia tra l’AMA, l’Azienda Municipale Ambiente SpA responsabile del servizio di raccolta e di smaltimento dei rifiuti urbani solidi per il Comune di Roma (Italia), e il Consorzio Laziale Rifiuti – Co.La.Ri., gestore della discarica di Malagrotta, in merito ai maggiori oneri connessi all’obbligo del Co.La.Ri. di assicurare la gestione successiva alla chiusura di detta discarica per un periodo di almeno 30 anni, invece dei 10 anni inizialmente previsti, la Corte di giustizia ha affermato (sentenza 14 maggio 2020, causa C-15/19) che gli articoli 10 e 14 della direttiva 1999/31/CE del Consiglio, del 26 aprile 1999, relativa alle discariche di rifiuti, devono essere interpretati nel senso che non ostano all’interpretazione di una disposizione nazionale secondo la quale una discarica in funzione alla data di recepimento di detta direttiva deve essere assoggettata agli obblighi derivanti da quest’ultima, segnatamente a una proroga del periodo di gestione successiva alla chiusura, senza che occorra distinguere in base alla data in cui i rifiuti sono stati abbancati né prevedere alcuna misura intesa a contenere l’impatto finanziario di tale proroga sul detentore dei rifiuti.



indietro

  • Giappichelli Social