newsletter

home / NovitÓ di Prassi e Giurisprudenza / Giurisprudenza / Italiana / Un ulteriore rinvio ..

21/07/2022
Un ulteriore rinvio pregiudiziale del Consiglio di Stato sui presupposti per il rinvio pregiudiziale


argomento: Giurisprudenza - Italiana

Articoli Correlati: consiglio di stato rinvio pregiudiziale

Con la sentenza del 21 luglio 2022, n. 6410, il Consiglio di Stato ha posto nuovamente dei quesiti interpretativi alla Corte di giustizia in relazione ai presupposti del rinvio pregiudiziale.

In particolare, la Sez. IV del Consiglio di Stato ha chiesto alla Corte:

1) “se la corretta interpretazione dell’art. 267 TFUE imponga al giudice nazionale, avverso le cui decisioni non possa proporsi un ricorso giurisdizionale di diritto interno, di operare il rinvio pregiudiziale su una questione di interpretazione del diritto unionale rilevante nell’ambito della controversia principale, anche qualora possa escludersi un dubbio interpretativo sul significato da attribuire alla pertinente disposizione europea - tenuto conto della terminologia e del significato propri del diritto unionale attribuibili alle parole componenti la relativa disposizione, del contesto normativo europeo in cui la stessa è inserita e degli obiettivi di tutela sottesi alla sua previsione, considerando lo stadio di evoluzione del diritto europeo al momento in cui va data applicazione alla disposizione rilevante nell’ambito del giudizio nazionale – ma non sia possibile provare in maniera circostanziata, sotto un profilo soggettivo, avuto riguardo alla condotta di altri organi giurisdizionali, che l’interpretazione fornita dal giudice procedente sia la stessa di quella suscettibile di essere data dai giudici degli altri Stati membri e dalla Corte di giustizia ove investiti di identica questione”; e

2) “se – per salvaguardare i valori costituzionali ed europei della indipendenza del giudice e della ragionevole durata dei processi – sia possibile interpretare l’art. 267 TFUE, nel senso di escludere che il giudice supremo nazionale, che abbia preso in esame e ricusato la richiesta di rinvio pregiudiziale di interpretazione del diritto della Unione europea, sia sottoposto automaticamente, ovvero a discrezione della sola parte che propone l’azione, ad un procedimento per responsabilità civile e disciplinare”.



indietro