mandrioli-M

home / NovitÓ di Prassi e Giurisprudenza / Normativa / Unione Europea / Il Parlamento propone una ..

03/05/2022
Il Parlamento propone una riforma radicale della legge elettorale europea


argomento: Normativa - Unione Europea

» visualizza: il documento Risoluzione scarica file

Articoli Correlati: legge elettorale europea

Il 3 maggio 2022 il Parlamento europeo ha adottato una relazione d'iniziativa legislativa ai sensi dell’art, 223, par. 1, 2° co., TFUE, che mira a rivedere le norme delle elezioni europee. Il progetto di atto legislativo è stato approvato con 323 voti a favore, 262 contro e 48 astensioni, mentre la risoluzione politica di accompagnamento con 331 voti favorevoli, 257 contrari e 52 astensioni.

Secondo il sistema proposto dai deputati, ogni elettore avrebbe due voti: il primo per eleggere un deputato nella rispettiva circoscrizione nazionale e il secondo per eleggerne un altro nella circoscrizione paneuropea, composta da 28 seggi supplementari. Per garantire una rappresentanza geografica equilibrata all'interno delle liste, gli Stati membri saranno divisi in tre gruppi a seconda del numero di abitanti. Le liste verranno compilate, in maniera proporzionale, con candidati provenienti da questi tre gruppi, e dovranno essere presentate da entità elettorali europee, quali coalizioni di partiti politici nazionali e/o associazioni nazionali di elettori o partiti politici europei.

Per contrastare poi la disuguaglianza di genere, il testo propone liste chiuse obbligatorie (cioè, con un'alternanza tra candidate e candidati) o un sistema di quote, senza violare i diritti delle persone non binarie.

Il progetto di regolamento prevede anche:

- il 9 maggio come data comune per le elezioni europee;

- il diritto di candidarsi alle elezioni per tutti gli europei a partire dai 18 anni;

- una soglia elettorale minima obbligatoria del 3,5% per le circoscrizioni con 60 o più seggi;

- pari accesso alle elezioni per tutti i cittadini, compresi quelli con disabilità, e l'opzione del voto per posta;

- il diritto di votare per il Presidente della Commissione nel quadro del sistema dello Spitzenkandidat mediante le liste paneuropee.

Verrebbe inoltre creata una nuova Autorità elettorale europea che supervisioni il processo e assicuri la conformità con le nuove norme.



indietro