manuale_insolvenza

home / NovitÓ di Prassi e Giurisprudenza / Osservatorio / Unione Europea / L'Unione europea e le ..

31/07/2016
L'Unione europea e le risposte alle 'minacce ibride'

di Giulia D'Agnone

argomento: Osservatorio - Unione Europea

Articoli Correlati: minacce ibride

In una serie di atti tipici e atipici adottati recentemente, le istituzioni dell’Unione europea hanno utilizzato il termine ‘minacce ibride’, in riferimento all’impatto delle stesse sulla sicurezza dell’Unione. Co­mune a tali atti è la volontà di definire il concetto e individuare pos­sibili risposte al verificarsi di tale fenomeno. Come si cercherà di ar­gomentare – seppur succintamente – nel corso di questo Osservato­rio, la nozione e, soprattutto, il quadro giuridico di riferimento del fenomeno sembrano tuttavia rimanere incerti, rendendo così auspica­bile un intervento al riguardo delle istituzioni dell’Unione, affinché al possibile verificarsi di una minaccia di tal natura sia chiara la disci­plina applicabile e pronta l’individuazione degli attori coinvolti nella risposta (l’Unione europea, gli Stati membri, entrambi?). 

In merito al primo profilo, ovvero quello concernente l’indentificazione di quali atti costituiscano ‘minacce ibride’, occorre precisare che il termine non è nuovo, almeno per gli esperti di strate­gie militari. Già nel 2010, la NATO nel suo Capstone ConceptMili­tary contribution to countering hybrid threats” – documento in cui

vengono delineati i principali aspetti e settori della difesa per il futu­ro – individuava tali minacce come “those posed by adversaries, with the ability to simultaneously employ conventional and non­conventional means adaptively in pursuit of their objectives”. Peral­tro, già qualche anno prima gli esperti avevano posto l’accento su queste nuove forme di minacce, evidenziando il cambiamento dei moderni conflitti (F.G. HOFFMAN, Hybrid Threats: Reconceptuali­zing the Evolving Character of Modern Conflict, in Strategic Forum, working paper, aprile 2009). E tuttavia, nonostante anche altre orga­nizzazioni internazionali, nonché alcuni Stati nelle proprie dottrine strategiche (Cfr. The National Military Strategy of the United States » Per l'intero contenuto effettuare il login inizio



indietro