Questo sito utilizza cookie per fini operativi e statistici, come descritto nella nostra Informativa sui cookie e su tecnologie analoghe. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze, visitare la nosta pagina sull uso dei cookie. Chiudendo questo banner, restando su questa pagina, o cliccando su qualsiasi elemento si acconsente al nostro utilizzo dei cookie. Per saperne di più 

Il Diritto dell’Unione Europea

Verso un sistema giurisdizionale a “specializzazione decentrata”? Brevi note sulle forme di specializzazione del sapere giudiziario dell’Unione all’indomani della riforma del Tribunale

Jacopo Alberti

SOMMARIO

I. La riforma del Tribunale e il futuro del sistema giudiziario dell’Unione europea. – II. L’attuale struttura organizzativa del Tribunale: i (pochi) margini di specializzazione consentiti dalla riforma del regolamento di procedura. – III. Un breve inquadramento delle più rilevanti esperienze di specializzazione “esterne” alla Corte di giustizia. – IV. Verso un nuovo sistema di tutela giurisdizionale a “specializzazione decentrata”? – V. La capacità del sistema a “specializzazione decentrata” di imporsi in nuovi settori e le sfide (e le opportunità).

 

Registrati per leggere il seguito...

ECJ and National Constitutional Courts: A Collaborative Law Approach

Bernardo Cortese

SUMMARY

Section I. Introduction: I. Collaborative Law. – II. The Structural Elements of the Relationship between EU and National Law: The Self-Establishment of an EU Supranational Interindividual Legal System between Confrontation and Collaboration – III. Outline of Further Analysis – Section II. The European Court of Justice. – IV. On Direct Effect, Primacy and Collaborative Law: The Van Gend en Loos and Costa / ENEL Judgments Reconsidered. – V. From Simmenthal to Melki and Abdeli, from Confrontation to Collaboration. – VI. The Preliminary Ruling Procedure as a Collaborative Law Tool. – VII. (continues): National Courts as Structural Elements of a Collaborative Law Network. – VIII. From Taricco to M.A.S. and M.B.: To Collaborate or not to Collaborate? – Section III. The Corte costituzionale. – IX. The Corte costituzionale: An Early Switching from Confrontation to Collaboration. – X. Indirect v. Direct Dialogue: A Collaborative Law Alternative – XI. The Risks of a Structural Failure in Collaboration: The M.A.S. and M.B. case. – XII. Is There a Way Out? Procedural Collaborative Elements in Taricco and M.A.S and M.B. – Section IV. The Bundesverfassungsgericht. – XIII. The Solange Human Rights Case Law: From Bilateral Confrontation to Bilateral Dialogue. – XIV. … Or Not? The Difficult Road from Solange-II through the 2000 Banana Judgment. – XV. The ultra vires Case Law: Swinging thorough Collaboration and Con-frontation. – XVI. Ultra vires Scrutiny by National Courts as a Non-Collaborative Approach: A Critique in Five Points. – XVII. i) Disregard of ECJ Competences. – XVIII. ii) Subjects, Not Masters – Disregard of the Interindividual Character of the EU Legal System. – XIX. iii) Disregard of the Nature of the Founding Treaties as Special International Law. – XX. iv) Disregard of Sister States’ and Sister Courts’ Positions and Equality. – XXI. v) Unilateralism as Ideology. – XXII. The Kulturnation Approach and Cultural Unilateralism in the Identity Scrutiny: The Graveyard of Collaboration. – Section V. Conclusions. – XXIII. The ECJ/Constitutional Courts relationship between Collaboration and Confrontation. – XXIV. Some Final Remarks on Collaborative Coexistence of Sovereignties.

 

Registrati per leggere il seguito...

Il principio di legalità e il ruolo del giudice comune tra Corte costituzionale e Corti europee

Paola Mori

SOMMARIO

I. Principio di legalità e determinatezza della legge penale nella recente giurisprudenza costituzionale. – II. La nozione di legge nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. – III. Il principio di legalità e la nozione di legge nella giurisprudenza della Corte di giustizia: la nozione di legge con riferimento al diritto dell’Unione e ad atti nazionali di attuazione del diritto dell’Unione. – IV. Il rilievo della procedura di adozione dell’atto e il ruolo del legislatore dell’Unione ai fini della qualificazione dell’atto come legge. – V. I requisiti sostanziali di qualità della legge e il ruolo della giurisprudenza nella loro definizione. – VI. Alcune considerazioni conclusive sull’interazione tra diritto dell’Unione europea e diritto nazionale.

 

Registrati per leggere il seguito...

Fiscalità e sovranità: riflessioni sulla ripartizione delle competenze tra Stati membri e Unione europea

Giulia Rossolillo

SOMMARIO

I. Introduzione. – II. Unione europea e armonizzazione fiscale. – III. Libertà di circolazione e disposizioni fiscali degli Stati membri alla luce della giurisprudenza della Corte. – IV. Aiuti di Stato e fiscalità. – V. Competenza fiscale e crisi economica e finanziaria: il coordinamento delle politiche economiche e di bilancio degli Stati membri. – VI. Il cambio di prospettiva: l’attribuzione di sovranità fiscale al livello sovranazionale. – VII. Metodo dell’Unione e funzionalismo versus metodo federale.

 

Registrati per leggere il seguito...

Logo_Colori.gif

Area Riservata

  • Registrati
  • Nome utente dimenticato?
  • Password dimenticata?

   Rivista fondata da Alberto Predieri e Antonio Tizzano

Direttore: Antonio Tizzano

 

Comitato Scientifico:

Ricardo Alonso García, Sergio Maria Carbone, 
Giorgio Gaja, Francis Jacobs, Jean-Paul Jacqué, 
Koen Lenaerts, Riccardo Luzzatto, Paolo Mengozzi,

Miguel Poiares Maduro, Joël Rideau, 
Vassilios Skouris, Giuseppe Tesauro, 
Christiaan Timmermans, Thomas Von Danwitz

 

 

Comitato di Redazione:

Roberto Adam, Roberto Baratta, Enzo Cannizzaro,

Massimo Condinanzi, Luigi Daniele, Filippo Donati,

Roberto Mastroianni, Giuseppe Morbidelli,

Francesco Munari, Bruno Nascimbene,

Luca Radicati di Brozolo, Lucia Serena Rossi

 

Coordinamento della Redazione:

Susanna Fortunato 

Collaborano al Sito:

Michela Angeli (Autorità garante della concorrenza e del mercato);

Fabrizio Barzanti (Corte di giustizia); Flaminia Cotone (Scuola Nazionale dell’Amministrazione); Giulia D'Agnone (Scuola Nazionale dell’Amministrazione); Piero De Luca (Corte di giustizia);

Lorella Di Giambattista (Senato della Repubblica); Carlo Forte (Scuola Nazionale dell’Amministrazione); Paolo Iannuccelli (Corte di giustizia); Luigi Marchegiani (Dipartimento per le politiche europee – Presidenza del Consiglio dei ministri); Cecilia Odone (CINSEDO); Massimiliano Puglia (Corte di giustizia). 

 

 

 

La Rivista pubblica articoli attinenti direttamente o indirettamente ai profili giuridico-istituzionali del processo d’integrazione europea.

Gli articoli, redatti in italiano, francese, inglese o spagnolo, devono essere originali e inediti. La loro pubblicazione è subordinata ad una rigorosa selezione qualitativa. A tal fine, i contributi vengono valutati, senza indicazione del nome dell’autore o altri riferimenti che ne consentano l’identificazione, da qualificati studiosi della materia, anche esterni alla redazione della Rivista. I revisori potranno indicare le modifiche ed integrazioni che giudicano necessarie; in questo caso, la pubblicazione dell’articolo sarà subordinata al rispetto di tali indicazioni da parte dell’autore.

L’accettazione del contributo impegna l’Autore a non pubblicarlo altrove nella sua interezza o in singole parti, se non previo consenso scritto della direzione della Rivista e alle condizioni da essa stabilite.

I contributi inviati per la pubblicazione nella sezione Osservatorio europeo del Sito, che è destinata a ospitare, con aggiornamento continuo, commenti brevi o note a prima lettura, aventi a oggetto in linea di principio sentenze o materiali pubblicati nella sezione Novità di prassi e giurisprudenza, non devono superare i 30.000 caratteri (spazi inclusi).

Anche per i contributi destinati alla sezione Osservatorio europeo  del Sito è prevista la revisione nei termini precedentemente indicati.

Le norme redazionali cui devono attenersi i contributi destinati alla Rivista o alla sezione Osservatorio europeo del Sito sono pubblicate nella sezione La Rivista.

Gli articoli devono essere inviati tramite posta elettronica all’indirizzo mail della redazione (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). 

 

 


 

 

 

G. GIAPPICHELLI EDITORE s.r.l. 

  Via Po 21 • 10124 Torino • www.giappichelli.it


ISSN 2465-2474 • Il Diritto dell’Unione Europea (Online)  

   Iscrizione al R.O.C. n. 25223  
Privacy policy
  Cookies policy